Post 4 ottobre 2020

La notorietà di Simone Canepa (Varazze 1878 - 1919) è legata soprattutto alla spedizione della Stella Polare, nave al comando del Duca degli Abruzzi, che nell'aprile del 1900 raggiunse il punto più a nord mai raggiunto sino a quel momento.
Grazie a #VassileCiapaiev per averci segnalato questa storia.

 Sei di Varazze se........Sai chi era SIMONE CANEPA:State pensando che da Varazze partivano per mare solo per seguire le facili e battute rotte commerciali e volete mettermi alla prova chiedendomi se c’è mai stato un esploratore artico varazzino, un collega di Nansen ed Amudsen? Ce l’ho: Simone Canepa.
Nacque a Varazze nell’aprile del 1878 e vi morì nel 1919: prestò servizio in Marina, dove da semplice marinaio arrivò ad essere capitano; durante la prima guerra mondiale ricevette numerose decorazioni.

La sua notorietà è però in gran parte legata alla spedizione della Stella Polare, la nave al comando del Duca degli Abruzzi, che il 24 aprile 1900 raggiunse la latitudine di 86° 14’, cioé il punto più a Nord mai raggiunto fino a quel momento, battendo il primato del norvegese Nansen.
Simone era imbarcato come maestro d’ascia, a soli 22 anni: eppure, fu uno dei soli 4, tra tutto l’equipaggio, a compiere l’impresa finale.
Citano i giornali dell’epoca: «12 italiani, 10 norvegesi, 140 cani, 1 baleniera varata nel 1882. Nome della baleniera: Stella Polare (era la baleniera con cui Nansen aveva raggiunto la Groenlandia, n.d.r.). Dimensione: lungh. 44.7 m, largh. 9.3 m, pescaggio di profondita’ 5.2 m, macchine a vapore di forza cv 250, vel a mare calmo 6 nodi/ora».

Come si svolsero i fatti?
12/6/1899: la nave parte da Cristiania (Oslo) e Nansen stesso sale a bordo, fa gli auguri al Duca degli Abruzzi, e gli regala due cani nati sul Fram.
21/7: la Stella Polare arriva alla terra di Francesco Giuseppe, ma resta imprigionata nei ghiacci.
3/8: la nave si libera e raggiunge la baia di Teplitz.
8/9: il ghiaccio apre una falla nella chiglia: si scarica tutto a terra e si dispera di salvare la nave.

Inverno 1899/1900: la temperatura scende fino a -52°, molti sono vittime del congelamento parziale degli arti.
Marzo 1900: partono 3 gruppi separati dal campo base, con destinazione Nord. Il primo (composto da Ollier, Querini e Stokken) torna indietro, ma si perde tra i ghiacci; anche il secondo gruppo non ce la fa, ma almeno torna indietro sano e salvo. Il terzo gruppo, composto dal Comandante Cagni, dalle guide alpine di Courmayeur Petigax e Fenoillet e da Simone Canepa, continua a marciare verso il Polo.
24/4/1900: la spedizione raggiunge la latitudine di 86° 14’ , battendo il primato di Nansen e il giorno dopo torna indietro.
23/6: il gruppo raggiunge la Stella Polare.
3/8: la Stella Polare, liberata dai ghiacci, riparte.
Dicembre 1900: la spedizione rientra in Italia.
A Varazze c’e’ ancora la casa di Simone, con tanto di lapide ad imperitura memoria

 

Post 3 ottobre 2020



Post 26 dicembre 2019

Estratto dalla intervista di Fioramonti : "Questa è la vera emergenza migratoria. Ogni volta che un laureato va via dall'Italia sono 250.000 euro che se ne vanno delle nostre tasse. Se ha un dottorato sono oltre 300.000. Ci sono nazioni che si fanno forti delle nostre competenze che gli abbiamo regalato e che ci fanno la concorrenza."

 

Clicca sull'immagine per leggere l'articolo



Post 16 febbraio 2019

La Lanterna, simbolo di Genova potrebbe gemellarsi con la Statua della Libertà di New York. La luce del faro che vigila sul porto di Genova era l’ultima luce che vedevano i migranti quando lasciavano l’Italia, mentre la prima immagine dell’arrivo in America era propria quella della statua che domina Ellis Island.



Post 14 febbraio 2019

L’industria vitivinicola dell’Uruguay sta registrando una grande crescita. Ci piace pensare che questo successo sia dovuto anche al lavoro di tanti liguri che emigrarono in Uruguay portando con sé antiche tradizioni (prima fra tutte la farinata che si festeggia a Montevideo il 28 agosto).



Post 3 agosto 2018

Quasi ogni famiglia ligure ha antenati che emigrarono per cercare lavoro. Alcuni di essi divennero particolarmente famosi. Eccone alcuni.

Nancy Pelosi, Speaker al Congresso Americano. Madre originaria di Rovegno (Ge)

Amedeo Pietro Giannini, fondatore della Banca d'America e d'Italia. Originario di Favale di Malvaro (Ge)

Pepe Mujica, ex Presidente dell'Uruguay. Origine dei nonni materni di Favale di Malvaro (Ge)

George Moscone, Sindaco di San Francisco negli anni 70. Origini famigliari di Fontanarossa (Ge)

Julio Maria Sanguinetti ex Presidente Uruguay. Origini famigliari di Chiavari

Frank Sinatra, "The Voice" la cui madre era di Lumarzo (Ge)

Se avete notizia di emigrati liguri famosi scriveteci. L'elenco verrà poi pubblicato sul sito di Zenet e chissà che si faccia una bella festa con qualcuno di loro.
Grazie!